(+39) 339 5223289

Cellulare

ungariclaudio@gmail.com

Email

Apnee Notturne

La sindrome delle apnee durante il sonno è una malattia molto seria, anche se generalmente poco conosciuta, caratterizzata da episodi di “apnea” cioè un arresto della respirazione che si prolunga per 10 secondi o più.

L’OSAS colpisce il 4% degli uomini ed il 2% delle donne. È stato calcolato che circa due milioni di Italiani possono soffrire di questa malattia.

I sintomi clinici che orientano nella diagnosi sono: estrema affaticabilità e perdita di energia; depressione o irritabilità; difficoltà nella concentrazione; mal di testa mattutino; sonnolenza.

Le conseguenze della sindrome delle apnee ostruttive sono dovute al fatto che durante le apnee l’ossigenazione del sangue, riducendosi, crea uno stato di “stress” reiterato al cuore e cervello.

E’ infatti comune che l’OSAS si accompagni ad alterazioni della pressione sanguigna (ipertensione) e del battito cardiaco (aritmie).

Inoltre i pazienti hanno un rischio maggiore, rispetto alla popolazione normale, di avere importanti conseguenze come infarto cardiaco o ictus cerebrale.

A causa dell’eccessiva sonnolenza diurna, che può arrivare a compromettere le normali occupazioni di vita sociale e lavorativa, i pazienti hanno un elevatissimo rischio di incorrere in incidenti automobilistici.

Diagnosi
La diagnosi non può prescindere da una visita con la valutazione di eventuali impedimenti ad una corretta respirazione e da una valutazione strumentale condotta per l’intera durata della notte chiamata esame polisonnografico.

Terapia
La terapia chirurgica di questo tipo di problemi è molteplice e personalizzata in relazione alle problematiche dei siti ostruttivi del singolo paziente.La correzione di deformità del setto nasale, la decongestione dei turbinati , l’Uvulo Palato Faringo Plastica o UPPP sono gli interventi più praticati.

Richiedi un consulto

Il mio approccio

Nei tanti anni di esperienza, e grazie ai pazienti incontrati, ho sviluppato un approccio che utilizzo per ogni intervento.

Prima visita

È la base del percorso, in cui mi piace instaurare una relazione diretta con il mio paziente.

L'intervento

Opero pensando ai bisogni del mio paziente e ai risultati per garantire un risultato eccellente ed un miglior decorso post-operazione.

Dopo l'operazione

Dò tutte le informazioni sui tempi e le attenzioni da osservare, monitorando il paziente fino al suo completo recupero.